LA SFIDA NELLA SFIDA: Veretout vs Castrovilli

19/12/2019 alle 19:00.
photo_2019-12-19_12-15-18

LAROMA24.IT (Lorenzo Giannini) – La Roma si prepara alla sua ultima partita del 2019. I giallorossi, guidati da Fonseca, si presenteranno venerdì alle 20:45 allo stadio Artemio Franchi per affrontare la Fiorentina e cercare di portare a casa tre punti fondamentali per la classifica, ma soprattutto per chiudere l’anno con il sorriso. Una vittoria che confermerebbe il quarto posto e farebbe salire la Roma momentaneamente a un punto da terzo posto, in attesa che la Lazio recuperi a febbraio la propria partita contro il Verona.

Roma e Fiorentina, però, oltre che in campo sono legate soprattutto fuori. Il mercato tra le due società infatti è molto intrecciato, sia per quanto riguarda il passato sia per quanto riguardo il futuro. Nel primo caso il riferimento è ovviamente a Jordan Veretout, centrocampista arrivato in estate proprio dalla Viola e che ha già conquistato con le sue prestazioni sia mister Fonseca che i tifosi. Per quanto riguarda il futuro il nome su cui Petrachi ha messo gli occhi e che probabilmente proverà a portare nella Capitale nelle prossime sessioni di mercato è quello di Gaetano Castrovilli.

Adesso però i giallorossi non devono pensare alle voci di mercato ma solo alla partita. In campo sarà dura. La Viola arriva da un pareggio contro l’Inter capolista mentre gli uomini di Fonseca arrivano dalla vittoria con la Spal. In campo sarà battaglia, soprattutto in una zona nevralgica del terreno di gioco: la metà campo. Proprio qui si affronteranno Veretout, che per la prima volta torna al Franchi dopo la cessione di questa estate, e Castrovilli, che probabilmente sarà schierato sulla trequarti e dovrà affrontare le percussioni dei giocatori giallorossi.

INSOSTITUIBILE – Quando Petrachi lo ha acquistato durante il mercato estivo dalla Fiorentina in molti, tifosi e non solo, non vedevano l’ora di vederlo in campo con la maglia della Roma. Questa attesa però si è trasformata in sospetti sulla condizione fisica del giocatore. Questo perché durante tutta l’estate e la preparazione Jordan Veretout è stato una chimera. Si allenava ma non giocava mai con i compagni. Lasciato fuori dai convocati in tutte le amichevoli estive e non pervenuto neanche nelle prime due giornate di campionato, aveva fatto credere di essere un giocatore fuori forma e che la Roma avesse preso una “fregatura”. Poi, dopo la sosta Nazionale, ha guadagnato una maglia da titolare il 15 settembre contro il Sassuolo e da quel momento non l’ha più tolta.

Il francese da quel giorno è sempre sceso in campo in tutte le 14 partite successive disputate fin qui in campionato e in tutte le 6 partite del girone di Europa League. All'attivo ha solo un gol, ma Veretout quando scende sul terreno di gioco riesce sempre a mettersi in mostra per le proprie prestazioni. Corsa, grinta, cattiveria e voglia di non mollare mai, sono questi gli ingredienti che hanno permesso al francese di entrare rapidamente nello scacchiere di Fonseca e nei cuori dei tifosi.

IL PROSPETTO – Dall'altro lato Gaetano Castrovilli, classe 1997, è alla sua prima stagione in Serie A ma è riuscito subito a conquistarsi un posto da titolare. Tornato alla Fiorentina questa estate, dopo aver concluso un anno di prestito alla Cremonese, è riuscito a ritagliarsi il proprio spazio al punto da esser considerato da mister Montella un giocatore quasi imprescindibile. Fino a questo momento, infatti, ha disputato 15 partite scendendo in campo sempre dal primo minuto, saltando solo la trasferta di Verona per squalifica.

Il rendimento in campo è ottimo, all'attivo può vantare tre gol e due assist, ma le prestazioni di Castrovilli si valutano soprattutto per il gioco che riesce a creare e per la posizione in campo, solitamente quella di centrocampista centrale o di trequartista, che riesce a coprire egregiamente. La zona di campo in cui è solito operare è il punto nevralgico del gioco della Viola, che spesso si affida proprio al classe 97 per la costruzione del gioco.

FUTURO – Questo rendimento gli è valso la convocazione e l’esordio il 15 novembre con la maglia della Nazionale maggiore, nella vittoria per 3-0 contro la Bosnia. Castrovilli però ha fatto innamorare molti club della Serie A, che vorrebbero acquistarlo già durante la prossima session di mercato. Tra questi c’è anche la Roma, che con Petrachi sarebbe già a lavoro per convincere il centrocampista a trasferirsi nella Capitale. Il ds giallorosso può contare sul fatto che l’agente di Castrovilli sia lo stesso di Alessio Riccardi, e che proprio il baby talento della Primavera di De Rossi sia un possibile obiettivo di Pradè. Il mercato però adesso non deve distrarre i giallorossi che scenderanno in campo venerdì sera. I tre punti sono fondamentali e chiudere l’anno con il sorriso sarebbe la cosa migliore per tutti.